Report 2018

REPORT 2018 

Attività e risultati

La questione della maternità surrogata ha coinvolto il circolo a partire dalla metà del 2017 concentrando l’analisi ed il ragionamento nell’attività del 2018, anche a seguito dell’acceso dibattito nato in seno a vari contesti LGBT nazionali e femministi.

Il 2018 ha rappresentato per il circolo un anno di grandi cambiamenti: è stata realizzata una collaborazione con il Circolo Concetto Marchesi per l’utilizzo degli spazi per le riunioni e gli incontri organizzati dal circolo, è stato implementato il nuovo sito web, è stata attivata la campagna di newsletter mensiili per informare le socie delle attività in cantiere.

Nelle pagine del report la lista delle azioni prestate grazie al contributo volontario delle socie, verso le quali il circolo nutre incondizionata gratitudine: senza il loro lavoro, costante e silenzioso, la politica lesbica di Milano rimarrebbe irrealizzata.

AL Zami report 2018

 

 

Arcilesbica Zami Milano

E' costituita un'Associazione culturale laica, antifascista, antirazzista, senza scopo di lucro, costituita e diretta esclusivamente da donne, denominata: ARCILESBICA ZAMI con sede a Milano. La durata dell'Associazione è illimitata. L'associazione persegue la finalità di promuovere attività di aggregazione per le donne, e in particolare per le lesbiche, e di dare visibilità, sul piano politico, culturale e dei diritti, alle lesbiche, promuovendone l'affermazione dell'identità e la diffusione della cultura.
Arcilesbica Zami Milano
Arcilesbica Zami Milano12 ore fa
Corsa alla Presidenza della Repubblica,
Giannelli sul Corriere 1°dicembre
Arcilesbica Zami Milano
Arcilesbica Zami Milano3 giorni fa
Si è concluso ieri a Milano il 9° Congresso di ArciLesbica, l’associazione che dal 1996 riunisce le lesbiche femministe.

Riconfermate alla presidenza Cristina Gramolini e alla vicepresidenza Roberta Vannucci, ArciLesbica si concentra sulla critica alla mercificazione: “Abbiamo compreso che i corpi, in primo luogo quelli delle donne, sono la materia prima di un mercato cui non basta più la forza lavoro e vuole mettere a profitto anche la carne, ad esempio con l’industria riproduttiva” si legge nella nota “Vogliamo l’abolizione universale dell’utero in affitto e l’apertura delle adozioni alle coppie dello stesso sesso e alle singole persone; difendiamo la libertà di espressione di sé al di fuori degli stereotipi di genere”.

L’associazione prepara la sua scuola di politica annuale, la prossima edizione sarà dedicata alle biografie di lesbiche in Italia, ritratti di genialità e di vite in cerca di libertà dalla violenza.