Luogo di ristoro

Luogo di ristoro

ZamiAdmin No Comments

ArciLesbica Zami mette a disposizione delle socie – e di tutte – una pagina dove reperire risorse utili a trovare ristoro in questo lungo periodo di auto-confinamento.

Per chi ha più tempo a disposizione, per chi è preoccupata per le persone care, per chi sta lavorando da casa e anche più di prima, per chi si sente sola, per chi sogna di tornare a viaggiare presto, per chi aveva pensato milanononsiferma e poi si è dovuta ricredere, per chi è al fronte in ospedale o in RSA e deve riprender fiato per non soccombere alla fatica, per chi ha perso momentaneamente i punti di riferimento, per chi sta reprimendo la rabbia contro le istituzioni. Questa è il posto dove trovare link di risorse per distrarsi e per ristorarsi.

E’ una pagina in continuo aggiornamento. Chiunque abbia voglia di contribuire può scrivere a milano@arcilesbica.it segnalando il link da publicare (ed eventuale nome con motivo della scelta).

Buona navigazione 🙂

ARTICOLI ONLINE

Raccolta di siti e post raccolti online (e non si fa mai in tempo a leggere)

https://www.pridemagazine.it/2020/03/18/di-che-sei/

Una voce “fuori dal coro” mette ordine nel nostro vocabolario e nel nostro mondo, perché è arrivato il momento di smantellare il pensiero comune su ciò che uomini e donne “devono fare” come normale e naturale.

http://www.ingenere.it/articoli/perche-la-pandemia-non-ci-rende-tutti-uguali

Operatrici sanitarie, del settore domestico e dell’assistenza, lavoratrici dei servizi, lavoratrici madri. A più livelli le donne stanno già pagando in questi giorni il prezzo alto dell’epidemia. Una prima analisi

http://www.danieladanna.it/xxdonne/

Riversata online l’intera serie delle 16 uscite di XXD, la rivista di varia donnità chiusa nel 2014 per mancanza di fondi

 

Cinema e fotografia

Selezione di festival trasferiti online

https://www.instagram.com/bffmantova/channel/

La Biennale di Fotografia Femminile si trasferisce online con le pillole del venerdì della sua Presidente che accompagno virtualmente tra le mostre della BFF

La fondazione Women Make Movies mette a disposizione fino a fine maggio una serie di film e documentari previsti per il festival annuale. Sono quasi tutti in inglese ma sottotitolati (in inglese). Basta andare sul sito e inserire la password:  strong-wave20

 

Libri online

Alcune case editrici mettono a disposizione libri in offerta oppure biblioteche come quella del sistema bibliotecario di Milano ampliano l'offerta di libri online

https://milano.biblioteche.it/milanodaleggere/ 

Il Comune di Milano con il Sistema Bibliotecario dedica la V Edizione di “Milano da Leggere” a dieci opere di scrittrici milanesi, per nascita o elezione; il programma consente di scaricare e leggere gratuitamente una selezione di libri digitali, con cadenza settimanale, ogni mercoledì fino al 17 giugno (resteranno tutti disponibili fino al 30 giugno 2020):

  • La fioraia del Giambellino/ Rosa Teruzzi
  • Desiderio di cose leggere/ Antonia Pozzi
  • Assassinio al Garibaldi/Maria Alberta Scuderi
  • Donne come noi/Annalisa Monfreda
  • Una donna e altri
  • animali/Brunella Gasperini
  • La bruttina stagionata/Carmen Covito
  • Gli spaiati/Ester Viola
  • Cecilia e le streghe/Laura Conti
  • Il mondo di Camilla/Camilla Cederna
  • Lola nascerà a diciott’anni/Carla Maria Russo

https://www.vandaepublishing.com/categoria-prodotto/epub/

VandA ePublishing è una casa editrice indipendente, fondata a Milano l’8 marzo 2013, perché il mondo ha sempre più bisogno della sapienza femminile.  Molti volumi sono in offerta.

 

https://milano.biblioteche.it/servizi/medialibraryonline/biblioteca-digitale

Il Sistema Bibliotecario Milanese – a cui si può accedere con utenza gratuita – mette a disposizione non solo il catalogo online dei prestiti ma anche il catalogo OPEN, per scaricare gli ebook senza limiti di tempo e senza il conteggio fra i prestiti mensili.

Sheila Jeffreys a Milano – 1 marzo 2019 -> RINVIATO

ZamiAdmin No Comments

Care tutte,
l’Ordinanza di Regione Lombardia del 23 Febbraio 2020 ha disposto “la sospensione di manifestazioni o iniziative di qualsiasi natura, di eventi e di ogni forma di riunione in luogo pubblico o privato, anche di carattere culturale, ludico, sportivo e religioso, anche se svolti in luoghi chiusi aperti al pubblico” fino a nuovo provvedimento.

Siamo percio’ costrette a rinviare il Convegno “Le donne soggetto del femminismo” previsto il 1 marzo 2020.
Le nostre ospiti inglesi Sheila Jeffreys e Julia Long sono disponibili a venire in altra data, che al momento non e’ possibile fissare per la situazione sanitaria in evoluzione.

Comunicheremo ogni aggiornamento via mail e su facebook.

PROGRAMMA:

ore 10:00 Sheila Jeffreys (traduzione consecutiva)

ore 11:30 interventi di:

Silvia Baratella, Libreria Delle Donne

Silvia Ghidotti, La Comune

Marina Terragni, RadFem Italia

Ore 13:00 Pausa Pranzo

Ore 13:45 Julia Long (traduzione consecutiva)

Ore 15:15 Dibattito

 

–> ATTENZIONE CHE I POSTI SONO LIMITATI <–

Per iscriversi inviare una mail a: milano@arcilesbica.it

 

Festa prima delle feste: Anni ’20 Party – 15 dicembre 2019

ZamiAdmin No Comments

La festa prima delle feste di ZAMI contiene diversi ingredienti:

  • una LOtteria con premi LEtterari
  • un divertissement teatrale di e con Stella Zaltieri Pirola
  • cioccolata calda con annessi dolciumi
  • brindisi e armonia

Appuntamento domenica 15 dicembre dalle 17:00, a Milano, in via Spallanzani 6 cit. 48.

L’appuntamento è particolarmente rivolto a chi sa come non bruciare la cioccolata 🙂

Ci vediamo all’alba

ZamiAdmin No Comments

Prima milanese sabato 30 novembre 2019 per lo spettacolo “Ci vediamo all’alba“, scritto dalla drammaturga britannica Zinnie Harris (titolo originale Meet me at dawn), tradotto in italiano da Monica Capuani.

Due donne, legate da una relazione d’amore, si ritrovano su un’isola deserta dopo un naufragio, smarrite  e senza coordinate, in un percorso di ricostruzione a ritroso degli eventi che le hanno portate in una zona di confine, tra la realtà che stanno vivendo ed una realtà parallela.

In scena per la regia di Silvio Peroni, con Francesca Ciocchetti e Sara Putignano, lo spettacolo è stato presentato al pubblico milanese grazie alla Rassegna Lecite Visioni, giunta alla sua settima edizione.

L’autrice, acclamatissima in patria ma poco tradotta in Italia, si è ispirata al mito di Orfeo ed Euridice; con questa rivisitazione moderna Zinnie intende raccontare l’esperienza della perdita dell’amore, attraverso l’assurda opportunità di rivivere ancora un giorno con la persona amata. Nella presentazione del testo al festival di Edimburgo nel 2017, la drammaturga anticipa:

“Cosa succederebbe se avessi ancora un giorno da passare con la persona amata che hai perso, così all’improvviso? Come vivresti quelle ore che trascorrono dall’alba alla fine di quell’ultimo giorno? Quali pensieri affollerebbero la tua mente?”

Per ri/vederlo, appuntamento a Torino- Teatro Gobetti, dal 7 al 12 gennaio 2020.

 

Frattura scomposta – 15 novembre 2019

ZamiAdmin No Comments

ArciLesbica Zami contribuisce a Milano Bookcity 2019 con la presentazione del libro “Odissea embrionale“, raccolta di saggi a cura di Laura Corradi.

Con Lidia Cirillo, Cristina Gramolini e Silvia Guerini e con Eleonora Cirant. A cura dell’Associazione ArciLesbica in collaborazione con: Casa delle Associazioni e del Volontariato Municipio 1 e Resistenze al Nanomondo.

Le tecnologie riproduttive rappresentano un’arena di conflitto che attraversa appartenenze politiche e religiose, campi del sapere e movimenti sociali (pensiamo alle fratture nel femminismo e nella galassia Lgbtia Queer). Odissea embrionale è un lavoro frutto di un approccio multidisciplinare con contributi di tipo medico, giuridico, sociologico e scritti politici. La presentazione coinvolgerà alcune delle autrici, dando spazio alle idee diverse e talvolta confliggenti sui principali nodi riguardanti la fecondazione eterologa e la surroga di gravidanza. A cura dell’Associazione ArciLesbica. In collaborazione con: Casa delle Associazioni e del Volontariato Municipio 1 e Associazione Resistenze al Nanomondo.

Ore 19:00 – Casa delle Associazioni – Via Marsala  8 – Milano

Come out&play – Giochi, chiacchiere e spritz – 19 ottobre

ZamiAdmin No Comments

Il 19 ottobre 2019, un sabato, si inaugura la nuova stagione di incontri ed eventi del circolo ArciLesbica Zami. Questa prima serata è dedicata ai giochi: pictionary, cranium, carte, quiz, nomicosecittà, monopoli…a squadre, da sole…testa la tua capacità di metterti in gioco!

Nessun azzardo ma molti spritz, patatine o tisane e dolcetti. E chiacchiere per chi non vuole giocare.

Ti aspettiamo dalle 20:30 in poi, in via Spallanzani 6, cit. 48.

Via Spallanzani si trova a Milano, in Porta Venezia.

Arcilesbica Zami Milano

E' costituita un'Associazione culturale laica, antifascista, antirazzista, senza scopo di lucro, costituita e diretta esclusivamente da donne, denominata: ARCILESBICA ZAMI con sede a Milano. La durata dell'Associazione è illimitata. L'associazione persegue la finalità di promuovere attività di aggregazione per le donne, e in particolare per le lesbiche, e di dare visibilità, sul piano politico, culturale e dei diritti, alle lesbiche, promuovendone l'affermazione dell'identità e la diffusione della cultura.
Arcilesbica Zami Milano
Arcilesbica Zami Milano3 giorni fa
Buone vacanze d'estate, a chi è già in ferie e a chi ancora no ma tra un po': auguri delle più belle emozioni
Arcilesbica Zami Milano
Arcilesbica Zami Milano4 giorni fa
Lettura molto interessante, anche in ebook:
Penelope alla peste, di Veronica Passeri, con l'introduzione di Giovanna Botteri
La pandemia raccontata dalla donne. Quattordici storie dentro la quarantena. C’è Barbara, anestesista, e il suo grido d’accusa – «C’è troppa gente in giro!» – mentre negli ospedali si muore e mancano i respiratori e i posti letto; c’è Nicole, psicologa, che ascolta i fantasmi degli operatori sanitari a fine turno; Lucia, fisico medico, che guarda la pandemia – e l’Italia – dalla Cina; Rosanna, che festeggia dietro a un vetro i suoi ottantasei anni, ma quando sente una sirena torna bambina, è di nuovo il 1943. E poi c’è Irene, sei anni, la casa dei nonni che sembra “scomparsa” dal pianerottolo e c’è Cinzia, che vede le sue donne partorire sempre più sole.